LA POLITICA SOSPESA

In questi giorni vediamo come un “grande” Presidente del Consiglio sta gestendo il paese, direi finalmente, in una situazione drammatica.

Tra pandemia ed economia (soprattutto lavoro e crisi aziendali) è un paese questo in una situazione, diciamo “pericolosa”, ma viene gestito, grazie ad esperienza, capacità e autorevolezza (in casa ma soprattutto all’estero) in maniera egregia.

Il problema è che la politica, il parlamento non esistono o meglio sembrano sospesi in una bolla di sapone; questo a causa secondo me sia di una legge elettorale che non permette una “buona” selezione della classe dirigente, sia da quella che è stata la “frenesia” populista che ha portato in parlamento “di tutto” e “di più”, ma non certo competenza.

Credo a questo punto che fino alla fine della legislatura, la supplenza della presidenza del consiglio in tutto rispetto alla politica in generale, rimarrà ma forse penso che alla fine ne avremo effetti positivi.

Franz Turchi

Condividi