Ritrovata antica caserma

Scoperto durante gli scavi della metro C di Roma un antico distretto romano

La fermata della metro C Ipponio sarà la prima stazione-museo con vista su un’antica caserma romana del II secolo, risalente all’imperatore Adriano. Un distretto militare, tornato alla luce durante gli scavi ventennali della metro C nel tratto fra San Giovanni e Fori imperiali, a circa dieci metri di profondità, che conserva ancora affreschi dell’epoca, pavimenti in mosaico bianco e nero e un ossario del V secolo. In totale si contano circa 39 ambienti quadrangolari, delimitati da corridoi paralleli con muri in laterizio che verranno inglobati nella stazione.

il soprintendente all’area archeologica centrale Francesco Prosperetti ha detto: “E’ una scoperta eccezionale ed inaspettata. La sfida sarà integrare uno spazio archeologico nella stazione perché i ritrovamenti non devono essere limiti ma un’opportunità per costruire a Roma la metropolitana più bella del mondo. Il progetto della stazione andrà rivisto, dovranno essere modificati aspetti funzionali e architettonici in funzione dei ritrovamenti.”

L’ipotesi è infatti quella di smontare l’antica costruzione e spostarla in blocchi per poi ricollocarla all’interno della stazione. I lavori non si interromperanno né ci saranno degli stop al cantiere, ha assicurato Prosperetti che, sulla conservazione dei resti, ha detto: “E’ un tema che stiamo approfondendo attraverso una richiesta fatta alla stazione appaltante e al consorzio appaltatore di un progetto di fattibilità di questo intervento, ci sarà consegnato a breve”. A dare conferma del rispetto del cronoprogramma anche il responsabile della linea C per Roma Metropolitane, Andrea Sciotti che rilascia  questa dichiarazione: “Stiamo studiando il nuovo allestimento della stazione e solo dopo potremo capire l’impatto della scoperta sui tempi finali. La tratta T3 è stata progettata tenendo conto di possibili ritrovamenti e i tempi sono ancora lunghi visto che contiamo di aprire nel 2021. Quindi se troviamo rapidamente una soluzione flessibile potremmo ammortizzare i ritardi nell’attuale cronoprogramma”

Una scoperta dal valore inestimabile, è importante preservare un patrimonio come questo e di mantenerlo pubblico a tutti i cittadini della città eterna ed a tutti l’umanità. Il ritrovamento di un sito prezioso come questa caserma, che gli esperti archeologi individuano come distretto dei centurioni dell’Impero Romano, deve essere valorizzato e preservato da vandali, sciacalli ed eventi atmosferici, che potrebbero rovinare un sito non solo importante per la Capitale, ma per l’intera umanità.

Una stazione-museo renderebbe la linea C una delle metropolitane più belle del mondo e sicuramente unica nel suo genere

Condividi