Jihadisti in agguato

Albania-Italia, la rete del terrore è internazionale e pianificata E’ del 7 gennaio 2017 la notizia che per l’Italia la minaccia terroristica si sta intensificando dal mar Adriatico, quindi dalla zona Balcanica e dall’Albania. In realtà questo potrebbe spiegare anche la tenacia con la quale il nostro paese continua a mantenere la sua presenza militare… Continua a leggere

Condividi

Radicalismo 1 parte – Finanziamenti e ONG

Radicalismo islamico in Kosovo La diffusione del radicalismo islamico, in particolar modo del Wahabismo, del Salafismo e del Takfirismo (correnti del Sunnismo) è data da diversi fattori tra i quali il più importante è certamente la disponibilità di tanto denaro da investire. Lo stesso vale per il terrorismo: azioni di tale riprovevole genere devono avere… Continua a leggere

Condividi

UE tra flussi migratori e terororismo

Il pericolo di ritardi ed errori Il terrorismo, il radicalismo e i trafficanti di uomini non sono andati in vacanza e questa è stata un’estate che ha continuato a mostrare lacune, ritardi e discussioni su meccanismi che già dovrebbero essere avviati da un pezzo. L’Europol, per bocca del suo vice direttore Wil van Gemert, intervistato… Continua a leggere

Condividi

Pastiche siriano

  La partita siriana è talmente “bisticciata” che chiama in causa sempre nuovi attori pronti a puntare fiches pesanti Intanto, le scelte turche stanno diventando sempre più un elemento decisivo per il futuro della guerra in Siria. Al pari dei sauditi, i turchi vogliono una Siria a guida sunnita, quindi senza Asssad che è Alawita. La Turchia… Continua a leggere

Condividi

L’ISIS nei Balcani

I jihadisti decisi ad infiltrarsi dai Balcani Come più volte analizzato e raccontato su questo giornale, secondo i Servizi Segreti, l’isis sta tentando d’infiltrarsi nei Balcani. In pericolo l’Albania, dove secondo i Servizi Segreti lo Stato Islamico sta cercando dei reclutatori per unirsi alla loro causa. Scoperta la linea che collega l’Albania ad Ancona, e… Continua a leggere

Condividi

Il rispetto della nostra religione

Vietati i simboli del cristianesimo. L’Italia dice no La Religione Cristiana fa parte ormai da secoli della storia della penisola italiana. I rapporti stessi fra lo Stato italiano e quello Pontificio sono regolati da leggi che nascono nell’epoca fascista e vengono riconfermate da Enrico De Nicola, Primo Presidente Della Repubblica italiana nonché firmatario della Costituzione…. Continua a leggere

Condividi

Il pugno di Francesco

Chiarezza sulla libertà di espressione e sul rispetto di ciò che è sacro Papa Bergoglio dice la sua e la dice a chiare lettere, da uomo forte, usando però la mitezza che gli è propria. Durante il suo viaggio tra lo Sri Lanka e Manila, nei cieli delle Filippine, ha affermato che come è un’aberrazione… Continua a leggere

Condividi