IL VOTO

Il  prossimo fine settimana ci vedrà  impegnati nel voto amministrativo e nel referendum all’interno di un fenomeno cosi da un parte particolare e cosi drammatico dall’altra come la pandemia, che renderà questo voto, un voto storico. Per le amministrative dico sempre da anni di votare oltre che allo schieramento politico, anche e sopratutto la persona,… Continua a leggere

Condividi

REFERENDUM ABROGATIVO 2017

Il secondo governo Berlusconi, al fine di ridurre il lavoro nero, introdusse nel 2003 il buono lavoro (detto voucher) come strumento di retribuzione del lavoro accessorio, cioè di quelle prestazioni lavorative non riconducibili a contratti di lavoro.

Condividi

2017 come opportunità

La sconfitta del sì al referendum potrebbe aprire scenari imprevisti sia in senso positivo che negativo. Il mondo non si sbilancia, tende a sdrammatizzare, ma ci osserva con attenzione, pronto a intervenire. Lo spread per ora è sotto controllo e i leader internazionali si complimentano con Renzi e il suo tentativo andato a vuoto. Del… Continua a leggere

Condividi

Post referendum

Dimissioni e prospettive La netta affermazione del “No” in occasione del referendum costituzionale ha innescato la già contemplata serie di eventi cui stiamo assistendo da qualche giorno. Ovverosia: caduta dell’esecutivo, palla a Mattarella, inquietante “ciapa no” per la formazione di un governo di scopo, Italicum si – Italicum no e, dopo la giornata di intermezzo… Continua a leggere

Condividi

Appuntamento al 4 dicembre

Referendum costituzionale Finalmente ci siamo: abbiamo il giorno. Dopo un lungo e travagliato parto, si è deciso di sottoporre agli italiani il quesito referendario che confermi o bocci la riforma costituzionale voluta fortemente da Renzi, il 4 dicembre. Questo ulteriore slittamento, ci “regala” altri due mesi di campagna elettorale vera e propria, in cui il… Continua a leggere

Condividi

Aut aut

Non c’è scampo In Italia riforme condivise non s’hanno da fare. Il muro contro muro sembra l’unica maniera per tentare di rinnovare le strutture decrepite del nostro stato. Ad ogni modo, dopo il via libera alla riforma costituzionale ora la parola passa agli elettori. I cittadini dovranno pronunciarsi in un referendum confermativo che dovrebbe svolgersi a… Continua a leggere

Condividi