PRIMARIE PD: TORNA RENZI

Vittoria netta di Matteo Renzi alle primarie del Partito Democratico. Sarà dunque di nuovo lui a guidare il partito alle future elezioni come candidato Premier. Battuti con un margine di percentuale altissimo Andrea Orlandi e Michele Emiliano. Matteo Renzi ha ottenuto infatti il 70% dei voti ai danni di Orlando (19,5%) ed Emiliano (10,5%) ma… Continua a leggere

Condividi

2017 come opportunità

La sconfitta del sì al referendum potrebbe aprire scenari imprevisti sia in senso positivo che negativo. Il mondo non si sbilancia, tende a sdrammatizzare, ma ci osserva con attenzione, pronto a intervenire. Lo spread per ora è sotto controllo e i leader internazionali si complimentano con Renzi e il suo tentativo andato a vuoto. Del… Continua a leggere

Condividi

Post referendum

Dimissioni e prospettive La netta affermazione del “No” in occasione del referendum costituzionale ha innescato la già contemplata serie di eventi cui stiamo assistendo da qualche giorno. Ovverosia: caduta dell’esecutivo, palla a Mattarella, inquietante “ciapa no” per la formazione di un governo di scopo, Italicum si – Italicum no e, dopo la giornata di intermezzo… Continua a leggere

Condividi

Referendum: le ragioni del SI

Le ragioni per il sì ci sarebbero e sono ben visibili ad un’attenta analisi sine ira et studio Soprattutto depoliticizzando la questione, facendone un affare esclusivamente costituzionale, pratico, depurandolo da ogni tentazione di polemica politica e strumentale. La modifica proposta, quantunque perfettibile e relativamente soft, non può destare perlomeno viva curiosità e interesse sano per… Continua a leggere

Condividi

Appuntamento al 4 dicembre

Referendum costituzionale Finalmente ci siamo: abbiamo il giorno. Dopo un lungo e travagliato parto, si è deciso di sottoporre agli italiani il quesito referendario che confermi o bocci la riforma costituzionale voluta fortemente da Renzi, il 4 dicembre. Questo ulteriore slittamento, ci “regala” altri due mesi di campagna elettorale vera e propria, in cui il… Continua a leggere

Condividi

I 3 grandi per la nuova Europa

L’uscita di scena della Gran Bretagna segna automaticamente la promozione dell’Italia a terza forza europea. Un’Europa che si lecca le ferite delle ultime dure prove che l’hanno scalfita ma non abbattuta. E per far sì che si possa guardare al futuro del continente europeo in termini politici e non geografici con ottimismo, urgono risposte concrete,… Continua a leggere

Condividi

Verso il referendum: “no” in vantaggio

Nonostante l’estate sia per definizione complice involontaria di ogni governo, non mancano ad oggi elementi per mettere il premier Renzi sulla graticola. A partire dagli ultimi dati deludenti riguardanti il Pil italiano e quelli relativi al debito pubblico che segna il nuovo record storico. Male. Molto male in vista di un appuntamento, quello del referendum costituzionale,… Continua a leggere

Condividi

Aut aut

Non c’è scampo In Italia riforme condivise non s’hanno da fare. Il muro contro muro sembra l’unica maniera per tentare di rinnovare le strutture decrepite del nostro stato. Ad ogni modo, dopo il via libera alla riforma costituzionale ora la parola passa agli elettori. I cittadini dovranno pronunciarsi in un referendum confermativo che dovrebbe svolgersi a… Continua a leggere

Condividi

Conflitto d’interessi e ombre dalemiane

Il termine “conflitto d’interessi” incollato a Silvio Berlusconi per un ventennio e passa, qualora ce ne fosse lo scopriamo riguardare molti altri eminenti esponenti della politica e del sottobosco Risultato: un ministro in grave imbarazzo e dimissionario, inchieste della magistratura e governo in affanno. Da una parte Federica Guidi, l’ammiraglio De Giorgi che può aiutare… Continua a leggere

Condividi

Il match Renzi – Juncker

?Vecchie ruggini Il presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker e il presidente del Consiglio italiano Matteo Renzi si sono lanciati una serie di accuse, tanto da spingere molti autorevoli analisti a dire che i rapporti tra la Commissione e il governo italiano sono “ai minimi storici“. Lo scontro è latente da mesi ma si è palesato… Continua a leggere

Condividi