Jihadisti in agguato

Albania-Italia, la rete del terrore è internazionale e pianificata E’ del 7 gennaio 2017 la notizia che per l’Italia la minaccia terroristica si sta intensificando dal mar Adriatico, quindi dalla zona Balcanica e dall’Albania. In realtà questo potrebbe spiegare anche la tenacia con la quale il nostro paese continua a mantenere la sua presenza militare… Continua a leggere

Condividi

La tregua è già saltata

La tregua siriana ha avuto vita brevissima Ripetutamente violata, con vittime. È bastato un “errore” dei soldati di Obama (con accuse reciproche fra le parti a condire il tutto), costato la vita a decine di soldati dell’esercito siriano, a far vacillare tremendamente l’impalcatura eretta da russi ed americani – senza troppa convinzione. Il fatto è… Continua a leggere

Condividi

La questione curda e le mire di Ankara

L’attentato nella centralissima Piazza Beyazit di Istanbul è solo l’ultimo di una lunga serie di violenze che da un anno seminano il caos nel paese, dopo la deriva neo-ottomana di Erdogan. Ogni attentato a Istanbul e in Turchia, quando mancano le rivendicazioni e anche quando ci sono, diventa un fitto mistero. La dietrologia è all’ordine… Continua a leggere

Condividi

Siria: virtual ceasefire

Dal titolo pare si tratti di un gioco per Playstation. È la realtà Scattato il cessate il fuoco, alla mezzanotte di venerdì 26 febbraio, le parti in causa hanno iniziato a violarlo. Con l’eccezione della Russia, che ha comunicato di aver bloccato tutte le operazioni in Siria, e formalmente degli Stati Uniti, che sono intervenuti contro l’Isis… Continua a leggere

Condividi

Pastiche siriano

  La partita siriana è talmente “bisticciata” che chiama in causa sempre nuovi attori pronti a puntare fiches pesanti Intanto, le scelte turche stanno diventando sempre più un elemento decisivo per il futuro della guerra in Siria. Al pari dei sauditi, i turchi vogliono una Siria a guida sunnita, quindi senza Asssad che è Alawita. La Turchia… Continua a leggere

Condividi

Russia-Turchia e la politica biforcuta

Pur non essendo quel che gli indiani americani solevano definire “viso pallido”, Barak Obama prosegue nella propria politica “biforcuta” di guerra a chiacchiere contro terrorismo internazionale e boicottaggio – diretto e indiretto – di chi il terrorismo punta a sconfiggerlo combattendo. Il presidente americano persevera nella sua ormai disvelata strategia di far combattere ad altri… Continua a leggere

Condividi

La Francia è Europa?

Qualcosa è cambiato? Forse i tragici fatti di Parigi hanno smosso qualcosa, nelle coscienze e nei comportamenti della gente e dei governi. La risposta al terrore non può che essere ferma, spietata ma allo stesso tempo lucida e perfetta da parte di questi ultimi e per quanto possibile senza troppe isterie per quel che concerne… Continua a leggere

Condividi

Assad o Jihad

I bombardamenti russi in Siria procedono e la cosa non piace agli Stati Uniti e ad altri paesi della Nato, che già da un anno sono impegnati militarmente sullo stesso terreno. In più, da quel che viene fatto trapelare, i russi stanno uccidendo dei civili con le loro bombe. È certo. Ma lo stesso sta… Continua a leggere

Condividi

Immigrazione: due continenti, due approcci

Incredibile! Da entrambi i continenti si sentono gli stessi argomenti (anche se con differenze sostanziali) riguardo al problema dell immigrazione. In USA durante la campagna elettorale per la presidenza, il dibattito è infuocato rispetto alla proposta di un candidato repubblicano, Trump, che vuole mettere fuori più di 11,5 milioni di immigrati clandestini e costruire un… Continua a leggere

Condividi

Siria: il nuovo fronte russo

La Russia apre un altro fronte. La prepotente difesa dei propri interessi e delle proprie ambizioni nazionalistiche la porta stavolta in Siria, a difesa dell’ “amico”Assad. E ciò, dopo la querelle ucraina, la porta nuovamente a urtare con l’Occidente, Stati Uniti in testa, che Assad proprio non lo possono vedere. Si tratta di una guerra… Continua a leggere

Condividi